fbpx

Voglia di vivere e coronavirus

Pubblicato da eleonora il

Voglia di vivere e coronavirus

I nostri desideri

La nostra voglia di vivere non farà che aumentare con questo coronavirus.

In questi giorni per essere uniti dobbiamo stare lontano.

Ce l’hanno ripetuto in molti e sembra un po’ la metafora dei nostri tempi.

Ai tempi di whatsapp, facebook, instagram, skype, nel nostro mondo fatto ormai spesso di social e in cui siamo abituati a comunicare con lo smartphone ci resta quasi semplice. Non possiamo incontrare nessuno, ma continuiamo le comunicazioni social come sempre, anzi ancora di più.

E’ come un’estremizzazione della nostra società.

Forse davvero la natura si è ribellata alla frenesia del mondo moderno dando a tutti quanti un periodo di riposo e riflessione.

Siamo talmente di corsa ogni giorno della nostra vita che non abbiamo mai il tempo di domandarci se stiamo facendo davvero la cosa giusta.

Approfittiamo allora di questo tempo per noi stessi e apprezziamolo. Ne abbiamo sempre così poco.

Siamo abituati ogni giorno della nostra vita a produrre, il più possibile, ora invece dobbiamo fermarci, ma possiamo produrre qualcos’altro. 

Pensieri.

Abbiamo finalmente il tempo di dedicarci alla parte più profonda di noi stessi e pensare per porci quelle domande che non ci poniamo mai.

Del tempo solo per noi,senza correre, senza sveglie e senza lavoro.

Abbiamo una cosa preziosissima, la più preziosa che ci sia: tempo.

 

Sulla strada giusta

Approfittiamo di questo momento per dedicarci a noi stessi. Leggiamo quel libro che vogliamo leggere da un po’. Dedichiamoci alle persone che amiamo, trascorrendo il tempo con loro. Coccoliamoci con le cose che amiamo: il buon cibo, dei bei film o la cura per il corpo. Facciamo meditazione.

La meditazione è la possibilità di parlare con noi stessi, porci delle domande e conoscerci più profondamente.

Possiamo così capire se stiamo sulla strada giusta, pensare a tutte quelle cose che nella frenesia della vita quotidiana non abbiamo tempo di chiederci.

Dedichiamoci al nostro hobby, per i viaggiatori sono consigliati libri di viaggi oppure il programmare un viaggio futuro.

Ma soprattutto cerchiamo di imparare ad evadere, e prendere consapevolezza della nostra vita, in modo da vivere non sopravvivere. Rendiamoci conto che la vita è una e che i nostro tempo è limitato, dobbiamo quindi utilizzarlo al meglio.

La cosa più bella di avere tempo è poter fare le cose con i propri ritmi. Poter avere una vita che segue il nostro corpo e le nostre esigenze, anzichè il contrario. Tutto questo sarà un toccasana per il futuro.

Possiamo riprendere i nostri ritmi più “umani”, ascoltare il nostro corpo e poter fare le cose più semplici che a volte ci dimentichiamo, come il semplice dormire senza sveglia o il poter fare le cose con tranquillità.

La formula della felicità

Solo tu conosci la formula della tua felicità e questo è il momento di capire se stai facendo di tutto per seguirla. Perchè poi la felicità non è un obiettivo, ma una quotidianità.

Cerca di fare spazio alle tue passioni e alle tue aspirazioni.

Nel libro Vorrei averlo fatto Bronnie Ware ci illustra come il più grande rimpianto di chi sta per morire sia quello di non aver vissuto la vita secondo i propri ideali, ma aver dato retta agli altri.

Credo che dovremmo ripensare il nostro stile di vita e i nostri obiettivi, siamo bombardati in tv da ricchezza e canoni di vita completamente fuori dall’ordinario. 

Desiderare cose superflue credo sia fuori dal desiderio umano eppure il bombardamento dei media ci fa desiderare sempre più oggetti, quando poi le cose importanti sono ben altre.

Viaggiare ti fa vedere tutto questo, eppure anche stando a casa propria si può rivoluzionare la propria vita e smettere di andare dietro ad obiettivi sostanzialmente futili.

Il minimalismo è quello che ti farà capire di quanti oggetti inutili ci circondiamo.

Ma se invece ti piacciono i bei vestiti e le cose eleganti ben venga purchè siano le tue aspirazioni e non quelle imposte dalla società.

Forse dovremmo tutti iniziare a non dare peso al giudizio altrui e vivere come veramente vogliamo perchè chi deve fare i conti ogni giorno con noi stessi siamo solamente noi.

E questo è il momento giusto per prendere questo periodo di stasi come un nuovo inizio programmando le cose che più desideriamo.

La felicità è formata dalla libertà e dal tempo per viverla.

La libertà siamo fortunati, la riavremo presto, riprendiamoci il tempo.

La ragazza con gli stivaletti bassi

La ragazza con gli stivaletti bassi

Categorie: BENESSERE

4 commenti

Luigi · 28 Febbraio 2021 alle 10:29

Hai ragione, inoltre i Social ci portano continuamente a confrontare la nostra vita con quella degli altri ; spesso usciamo da questo confronto avendo accumulato soltanto stress ; inoltre abbiamo perso anche del tempo che potevamo dedicare a qualcosa di più gratificante e costruttivo per noi stessi.

    eleonora · 26 Marzo 2021 alle 10:52

    Esatto Luigi, sono completamente d’accordo con te 🙂

Francesco · 1 Marzo 2021 alle 16:41

Complimenti per l’articolo! Credo che questo periodo di stallo possa far riflettere molte persone che prima non avevano un secondo di tempo da dedicare a loro stesse e ai loro sogni, sempre più prese dalla solita routine quotidiana , giorno dopo giorno , e senza mai un attimo per riflettere sul significato della vita.

    eleonora · 18 Marzo 2021 alle 13:56

    Si grazie Francesco per il tuo commento, avere del tempo per poter pensare alla propria vita è utilissimo, quindi cerchiamo di vedere il positivo anche da questa situazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItaliano